Medici del Mondo

Medici del Mondo

Medici, volontari e infermieri militanti che portano il diritto alla salute lì dove non c'è. Quella di Medici del Mondo è una missione straordinaria e coraggiosa che meritava un sito altrettanto ambizioso. Abbiamo lavorato per tradurre i valori dell'organizzazione in una identità digitale solida, riconoscibile, emozionante, in grado di trasformare ogni visita in una piccola grande immersione nei valori di Medici del Mondo.

vai al sito

Una mission che parla chiaro. Come il design.

Da 40 anni Medici del Mondo difende e cura le persone più vulnerabili ed emarginate, denuncia le ingiustizie di cui sono vittime e promuove il cambiamento sociale per l'accesso alla salute. Una mission che il Brand porta avanti con decisione e tenacia, anche nei contesti più difficili, senza mai tirarsi indietro. Volevamo trasferire al pubblico questa loro capacità di essere "strong", per questo abbiamo lavorato trasformare il sito nella loro perfetta controparte digitale: un mezzo di comunicazione diretto, deciso, senza fronzoli.

Identità forte e chiara.

Una delle principali criticità che l'organizzazione si trovava ad affrontare, e quindi noi con lei, era la similitudine con associazioni simili, dall'immagine già consolidata e di grande diffusione nel pubblico di riferimento. Il primo passo è stato quindi quello di esaltare, attraverso il design, la personalità del brand, traducendone i valori in una identità visiva digitale originale, moderna e riconoscibile; in una palette colori empatica, efficace e allo stesso tempo distante dagli altri brand di settore; e in un look&feel capace di "acchiappare" lo sguardo, l'interesse, la fiducia del pubblico.

Parola d'ordine: impatto.

Salvare vite cambia il mondo. E cambiare il mondo è l'impatto più importante che un'organizzazione possa sperare di raggiungere. Ed è proprio questo che Medici del Mondo prova a fare ogni giorno. "Impatto" è diventata così non solo una parola, ma la chiave di volta di ogni nostro intervento. L'abbiamo trasferita in una scelta tipografica netta, decisa, quasi urlata. L'abbiamo tradotta in impatto fotografico, con immagini protagoniste di uno storytelling immediato ed efficace. L'abbiamo riversata infine nella user experience, ora razionalizzata e focalizzata sui due obiettivi principali del sito: informazione e raccolta fondi.

Una campagna a tutto branding.

Per rafforzare il posizionamento e aumentare notorietà, fiducia e considerazione abbiamo lavorato alla creazione di tre campagne. Volevamo infatti individuare concept creativi efficaci, ma per farlo dovevamo prima diffondere i valori di un'associazione ancora poco conosciuta al grande pubblico. Attraverso un funnel di posizionamento siamo partiti così da una campagna di awareness, necessaria a individuare e consolidare la platea di riferimento, per poi capitalizzare quanto costruito attraverso potenti campagne di donazione.

Li abbiamo mandati a quel paese.

Per la prima campagna di posizionamento abbiamo scelto un concept di grande impatto, in grado di emergere, differenziarsi e farsi ricordare. Gli utenti si sono trovati davanti un messaggio spiazzante e provocatorio, che li ha spinti a scoprire i valori del brand e il profondo significato sottinteso: Medici del Mondo interviene nei luoghi più poveri e dimenticati, dove il diritto alla salute è inesistente. In questo modo abbiamo stravolto un luogo comune, aumentando la memorabilità della campagna e trasformato "Quel Paese" nel simbolo di un impegno umanitario straordinario.

Dall'engagement alla raccolta fondi.

Dopo la prima campagna di notorietà, per "chiudere il cerchio" abbiamo realizzato altre due campagne focalizzate maggiormente sulla raccolta fondi come obiettivo principale. Nella prima abbiamo valorizzato le storie dei medici facenti parte dell'organizzazione, mentre nella seconda abbiamo messo al centro l'utente, rendendolo protagonista, attraverso l'atto della donazione, degli interventi del Brand. Una strategia vincente, che si è tradotta immediatamente in un aumento sostanziale dell'engagement e della raccolta fondi.

Altri progetti